Benefici psicofisici dell’attività fisica

sport-adolescenza

Muoviti, muoviti!

L’attività fisica ha un ruolo fondamentale per lo sviluppo fisico e psico-emotivo dell’individuo, poiché, oltre a rappresentare un’occasione di sfogo,  contribuisce a far sì che tale processo di maturazione si realizzi in modo completo e armonico.

È necessario adottare anzitutto uno stile di vita attivo e dinamico, al quale deve essere affiancata regolare attività sportiva.

Praticare regolarmente attività sportiva non “fa bene” solo ai muscoli … prenditi qualche minuto e leggi quanti sono i benefici:

  • Sviluppo dello scheletro
  • Incremento e potenziamento delle masse muscolari
  • Rafforzamento delle strutture articolari
  • Prevenzione di atteggiamenti posturali viziati
  • Prevenzione di osteoporosi e artrosi in età avanzata
  • Migliori prestazioni del cuore
  • Mantenimento dei valori ottimali di pressione arteriosa
  • Migliori prestazioni dei polmoni
  • Aumento del metabolismo basale e del consumo energetico
  • Controllo dei centri del cervello che regolano il senso della fame
  • Mantenimento del peso corporeo ideale
  • Prevenzione del sovrappeso
  • Prevenzione di malattie cardiovascolari e diabete
  • Regolarizzazione dei ritmi biologici (sonno, ormoni)
  • Potenziamento delle capacità di concentrazione, memorizzazione e apprendimento
  • Miglior rendimento scolastico
  • Maggior capacità di organizzazione e adattabilità ai diversi impegni quotidiani
  • Potenziamento dei meccanismi di autocontrollo e di risposta allo stress
  • Prevenzione dei disturbi correlati ad ansia e depressione in età adulta
  • Contributo positivo nel plasmare la personalità e formare il carattere
  • Sviluppo delle abilità di gruppo e delle capacità di socializzazione e collaborazione
  • Educazione al rispetto degli altri e all’osservanza delle regole

Come puoi attivarti per la tua salute? In due mosse …

ADOTTA UNO STILE DI VITA ATTIVO E DINAMICO

Moltiplica durante la giornata le occasioni di movimento … ecco qualche indicazione:

  • niente motorino: muoviti il più possibile a piedi o in bicicletta
  • niente ascensore o scale mobili: sali/scendi a piedi
  • preferisci una bella camminata al parco a una sessione di videogiochi
  • proponi agli amici una bella passeggiata o biciclettata al lago o in montagna per il weekend…

PRATICA ALMENO UNO SPORT

Scegli con cura lo sport da praticare, in base ai tuoi gusti, alle tue abilità e alla tipologia della tua struttura fisica. In generale, tutte le capacità motorie possono essere sviluppate e potenziate, purché vengano applicati i criteri di gradualità, progressività e simmetria del lavoro muscolare.

L’esercizio fisico deve essere definito e strutturato, in età giovanile, come allenamento sportivo e il programma di addestramento deve possedere il requisito fondamentale della multilateralità, in base al quale è garantito lo sviluppo armonico di tutti i gruppi muscolari e il miglioramento dell’efficienza fisica globale.

L’allenamento prevederà poi una progressiva valorizzazione delle abilità specifiche per la disciplina praticata.

Il tipo di allenamento, per frequenza e intensità, deve essere definito nel rispetto di un corpo che sta crescendo sotto una spinta accelerativa molto forte e deve essere tale da contribuire a migliorarlo sotto il profilo fisico e psichico, senza sottoporlo ad eccessive sollecitazioni e stress in modo da non interferire con i delicati meccanismi di crescita, in particolare con lo sviluppo puberale.

Sport,  una scuola di vita: le attività sportive  insegnano a:

  • lavorare per obiettivi
  • risolvere problemi
  • programmare il proprio tempo
  • misurarsi con le proprie capacità
  • conoscere i propri limiti
  • gestire le proprie emozioni
  • superare le sconfitte
  • controllare l’ansia e lo stress
  • confrontarsi positivamente con gli altri
  • rispettare gli altri
  • osservare le regole
  • socializzare, cooperare, affrontare e risolvere conflittualità (sport di squadra)
  • radicare corrette abitudini alimentari e comportamentali

L’adolescenza è un periodo estremamente difficile, caratterizzato da grande vulnerabilità psicologica. Lo sport può aiutare ad acquisire maggior autostima, sicurezza in se stessi e nella propria immagine corporea.

Per le femmine …

Il ciclo mestruale non deve essere considerato limitante per la pratica di attività sportiva, a meno che ci siano particolari disturbi clinici (ciclo abbondante o prolungato, sindrome premestruale importante …) che, in tal caso, richiedono una valutazione da parte del ginecologo.

Per i maschi …

Tra gli adolescenti è sempre più diffuso l’uso di steroidi anabolizzanti, motivato dal desiderio di incrementare la forza muscolare e il rendimento atletico e soprattutto di migliorare il proprio aspetto nel tentativo di avvicinarsi ai modelli imposti dalla pubblicità di super macho-tutto muscoli. Attenzione! Queste sostanze risultano molto dannose per l’organismo: possono bloccare i processi di sviluppo fisico e provocare gravi danni testicolari (con il rischio di infertilità), aumentano il rischio di malattie cardiovascolari (infarto cardiaco, accidenti cerebrali) e tumori, oltre ad essere responsabili di gravi effetti collaterali di tipo psichico.