Virus HPV

?????????HPV sta per Papilloma Virus Umano. È un virus molto diffuso che provoca un’infezione della pelle e delle mucose genitali.

Si trasmette attraverso il rapporto sessuale ma anche semplicemente tramite il contatto cutaneo (pelle-pelle) nell’area genitale.

Nella maggior parte dei casi, l’infezione da HPV viene controllata dal sistema immunitario che interviene eliminando il virus.

L’infezione può anche manifestarsi con la comparsa di verruche genitali (chiamate anche condilomi o creste di gallo = escrescenze singole o multiple, di consistenza carnosa e di colore biancastro) che possono associarsi a prurito e dolore.

In alcuni casi, l’infezione persiste e provoca un’alterazione delle cellule a livello della porzione di utero chiamata “cervice” o “collo dell’utero” che, se non trattata, può diventare tumore.

In genere l’infezione da HPV che causa il tumore è contratta molti anni prima, in giovane età, mentre il tumore si sviluppa lentamente nell’arco di 10-20 anni. Più raramente la progressione della malattia avviene in tempi più rapidi.

Esistono tanti tipi diversi di HPV. I tipi 6 e 11 sono più frequentemente associati alle verruche genitali, mentre quelli denominati 16 e 18 sono responsabili della maggior parte dei casi di cancro della cervice.


 

Glossario

Cancro: sinonimo di tumore.
Cellule: sono i “mattoni” che compongono il nostro organismo.
Mucose: rivestimento interno di un organo cavo che comunica con l’esterno.
Sistema immunitario: sistema di difesa dell’organismo che ha la funzione di proteggerlo dall’attacco di agenti esterni potenzialmente pericolosi, come virus e batteri.
Tumore: malattia causata dalla alterazione e degenerazione delle cellule che iniziano a moltiplicarsi in modo incontrollato, causando la morte delle cellule sane. Sinonimi: tumore, neoplasia.
Utero: è un organo che fa parte dell’apparato riproduttore femminile, posto tra la vescica e il retto. Svolge la funzione di accogliere l’uovo fecondato dallo spermatozoo, consentirne lo sviluppo e permettere l’espulsione del feto al termine della gravidanza. Ha la forma di una pera rovesciata, con la parte più allargata in alto e quella più ristretta verso il basso, che “si inserisce” in vagina. La porzione di utero che sporge in vagina si chiama “collo dell’utero” o “cervice”.

Questa sezione è stata realizzata con il contributo incondizionato di:

sanofi_pasteur_msd_logo-svg